Il pittore Guglielmo Ciardi

Artgate Fondazione Cariplo - Ciardi Guglielmo, Fondamenta
Fondamenta, Gugliemo Ciardi
Con quale magistero il Ciardi sappia ritrarre la laguna è noto a tutti. Quante tele sue respirano l’aria e fiottano l’acqua della laguna! Eppure nessuna monotonia, nessuna ripetizione. I motivi sono quasi sempre nuovi e ciò che più importa sono anche sempre nuove le sensazioni.

Venezia e le sue acque ha fissato il Ciardi in undici tele esposte alla gran Mostra di Milano. Esaminandole, si nota come abbia voluto e saputo essere diverso, rimanendo nella verità delle sue belle facoltà d’artista, trasmesse con la tecnica ai figli Giuseppe ed Emma. Egli è fresco e agile e tutti i brividi, i fremiti, le colorazioni e i riflessi aerei ed acquei di Venezia hanno in lui la sognante realtà di Venezia.

La pittura veneziana moderna come si vede si mantiene alta, nobile e dignitosa. Artisti come Laurenti, il Tito, il Fragiacomo e il Ciardi fanno onore a una città, anche quando questa è piena delle più sontuose meraviglie architettoniche e pittoriche che abbiano mai stupita, sorpresa, consolata l’anima umana.

I pittori veneziani sanno anche come quelli del buon tempo dell’arte nostra costituirsi, dividendosi, varii dominii spitirituali, rendere tradizionale ed ereditaria l’arte della loro famiglia. Così ora avviene nella città lagunare coi Ciardi e coi Selvatico.

Milano, giugno 1907

Advertisements