Il cinema indipendente secondo Elio Petri


Dal canale YouTube di giuliodavid1

La curiosa contraddizione del cinema italiano – e non solo da adesso – è quella di avere al tempo stesso aspirazione ad una leadership di tipo hollywoodiano ed un’ansia di rinnovamento quasi newyorkese. (Quanti registi di ieri – ed ho molti nomi sulla punta della lingua – pur partendo da ambiziose premesse artistiche sono approdati a risultati – anche privati – hollywoodiani?). E’ questa contraddizione, tuttavia, a permettere una certa possibilità di agire liberamente anche nel quadro delle produzioni ufficiali; devo dire, tanto per fare un esempio, e posto che I giorni contati possa essere considerato un prodotto qualificato, che io non sono stato costretto a fischiettare il mio motivo davanti al produttore e che ho potuto fare tutto quello che mi veniva in mente: certo che non posso controllare i limiti della mia “libertà di volere”, certo è che vorrei fare film per cui, forse, non mi resterebbe che fischiettare due anni di seguito senza farmi capire; e nemmeno ti so dire quanto influirà l’esito commerciale di film come il mio sulla durata di questa atmosfera di libertà condizionata.

(…)

La liberazione dagli schemi deve avvenire con una ricerca cosciente al massimo grado, e non in una specie di furore iconoclasta. Cinema libero, dunque: come espressione cosciente e non automatica – di costume – del proprio tempo; le condizioni esistono anche nell’àmbito del cinema ufficiale, ma bisogna lottare continuamente per mantenerle vive e, in un certo senso, sapersi sacrificare.

Elio Petri
(La Fiera del Cinema, febbraio 1962) 

Advertisements

2 pensieri riguardo “Il cinema indipendente secondo Elio Petri”

  1. Fantastici gli ultimi due periodi: da incorniciare, non avrei saputo esprimermi al meglio, soprattutto per quanto riguarda il “furore iconoclasta” che è poco produttivo e creativo in sé e per sé…
    Mi hai fatto venire voglia di fare una pagina sul blog di citazioni essenziali sul cinema… Grazie mille per il twitt :) Mi hai fatto venire un’altra voglia: quella di fare il mio account…

  2. Peccato che non ho conservato una intervista molto, ma molto interessante con Petri… Hai visto il documentario Elio Petri. Appunti su un autore del 2005? Da non perdere.

    Bene, benissimo, vai con le citazioni! e …vieni su twitter :D, che aspetti? Ti aspetto.

I commenti sono chiusi.